S.Anselmo Knowledge Base

Una serie di utili documenti per conoscere meglio i mattoni faccia a vista e i prodotti in laterizio.

Seguici su twitter o su facebook per essere aggiornato sull'uscita di nuovi documenti tecnici come questo.

Documento KB002

MESCOLATURA DI MATTONI IN CANTIERE PER MURATURA A FACCIA VISTA

Pacchi di mattoni da utilizzarsi per lavori a faccia vista vengono mescolati mentre vengono distribuiti ai muratori, per ridurre l'effetto di piccole ma inevitabili variazioni di colore e dimensione nell'aspetto finale della muratura in mattoni.

Cause delle variazioni di colore e dimensione-controlli di fabbricazione

Variazioni delle materie prime
I mattoni sono costituiti principalmente da materie prime depositate attraverso milioni di anni, in strati che spesso hanno caratteristiche fisiche molto diverse.
Depositi di argilla variano notevolmente, dato che sono stati creati dalla disaggregazione di rocce, da sedimenti depositati da fiumi e laghi e, in fine, da sconvolgimenti geologici e ulteriori disaggregazioni.

fig.1
Fig. 1 - Cava stratificata e riserve per la disaggregazione.

Scavo, lavorazione e formatura dell'argilla
Benché durante lo scavo e l'ammucchiamento di argille, i vari materiali vengano miscelati nel modo più omogeneo possibile (Fig. 1), persistono leggere variazioni soprattutto tra riserve prodotte in momenti diversi. Le materie prime prese dalle riserve vengono frantumate e finemente macinate, con la possibile aggiunta di altri materiali. La miscela finale può essere formata, pressata o estrusa e tagliata a filo prima di essere essiccata e cotta.

fig.2
Fig. 2 - Fornace a controllo computerizzato.

Cottura di mattoni in argilla
Moderne fornaci a fuoco continuo vengono costantemente sorvegliate e controllate per ridurre le differenze della temperatura di cottura nelle diverse parti del forno e nei momenti diversi del procedimento (Fig. 2). Tuttavia, alcune piccole variazioni persistono, soprattutto tra la parte alta e la parte bassa del forno. Variazioni più evidenti possono verificarsi se vengono utilizzati altri metodi di cottura, ad esempio quella in forno intermittente.

Mattoni in silicato di calce (calce di sabbia e calce di silice) e in cemento
I mattoni in silicato di calce sono composti da aggregati, calce e pigmenti lavorati in autoclavi a vapore ad alta pressione. I mattoni di cemento sono composti da aggregati, calcestruzzo e pigmenti maturati come altri prodotti cementizi. Entrambi i tipi variano in colore e dimensione e benché siano applicabili gli stessi principi di mescolatura come per i mattoni in argilla, è consigliabile seguire le raccomandazioni del produttore.

Controllo delle variazioni
Durante tutti i procedimenti di lavorazione, l'utilizzo di accorgimenti moderni e tradizionali, come pure di sofisticate tecniche di controllo qualità e impianti, riducono ad un minimo le variazioni di colore e dimensione. Il rischio che queste variazioni vadano ad influire negativamente sull'aspetto finale della muratura di mattoni può essere inoltre ridotto se i caposquadra, muratori e manovali seguono le raccomandazioni date in questa sezione.

La necessità della mescolatura in cantiere
fig.3
Fig. 3 - Risultato quando i carichi non vengono mescolati al momento della distribuzione.

Mattoni nello stesso lotto ma tra loro diversi possono, se raggruppati, risultare in inaccettabili chiazze di colore, disegni o strisce nel lavoro di muratura finito (Fig. 3).
La necessità di mescolare i mattoni, intesi ad essere uniformi per quanto riguarda il colore (ad esempio, mattoni lisci rossi), viene generalmente facilmente compresa, ma non viene sempre compreso che è assolutamente essenziale mescolare anche i mattoni multicolore per evitare la formazione di disegni indesiderati causati dal raggruppamento di mattoni dello stesso colore. Dato che le variazioni causate dalle materie prime e dalla cottura possono portare a diversità non solo nel colore ma anche nelle dimensioni, la mescolatura dei mattoni aiuta il muratore a mantenere una larghezza regolare nei giunti verticali durante l'esecuzione di muratura a faccia vista.

fig.4
Fig. 4 - Risultato quando non viene assicurata l'uniformità tra le varie partite.

Vi saranno più variazioni tra parti diverse che tra mattoni della stessa partita e le tecniche di mescolatura qui descritte si applicano a quest'ultimo caso. E' compito di chi richiede e ordina i mattoni ridurre gli effetti indesiderati causati da variazioni di partite diverse (Fig. 4) ed è necessario avvertire preventivamente il produttore della necessità di fornire mattoni di aspetto uniforme per un lungo periodo di tempo. Non è realistico pensare che il produttore possa prevedere questa necessità.

Metodi moderni di movimentazione e trasporto dei mattoni
In passato, i mattoni venivano immancabilmente mescolati quando venivano spostati manualmente sei o otto per volta dal forno alla riserva, dalla riserva al camion, dai camion alle riserve di cantiere e in fine distribuiti ai muratori.
Questo procedimento può essere paragonato all'atto di mescolare un mazzo di carte da gioco (Fig. 5).

fig.5

Mescolatura continua, mattoni sciolti spostati a mano.

 

Mescolatura sul cantiere, pacchi spostati meccanicamente.

 

Nessuna mescolatura sul cantiere, pacchi spostati meccanicamente.

Oggi, i mattoni che escono dal forno vengono imballati in pacchi da quattrocento circa e poi spostati meccanicamente alle riserve di cantiere oppure alle zone di caricamento sui piani di edifici in fase di costruzione. Se i pacchi non vengono mescolati prima della distribuzione al muratore, vi è il rischio di raggruppamento di mattoni dello stesso colore nella muratura, conferendo un aspetto a chiazze. La mescolatura inoltre mischia mattoni con variazioni nelle dimensioni, aiutando il muratore a mantenere una maggiore regolarità nell'esecuzione della muratura a faccia vista.

Tecniche di mescolatura sul posto

I mattoni per la distribuzione devono essere presi preferibilmente da quattro o cinque pacchi, ma da un minimo assoluto di tre.
In genere è consigliabile estrarre i mattoni dai pacchi in fasce verticali piuttosto che orizzontali, dato che la posizione dei mattoni corrisponde più o meno alla loro posizione all'interno del forno (Fig. 6). Questo è il caso soprattutto della cottura in forno a fuoco continuo. Nel dubbio consultarsi con il produttore.
Se le squadre di muratori comprendono le ragioni per cui viene effettuata questa tecnica di distribuzione, non vi saranno problemi causate da chiazze di colore durante l'esecuzione della prima sezione di muratura.
Tuttavia, per permettere una corretta distribuzione ai muratori operanti sui piani superiori di impalcature, le zone di caricamento devono avere una capacità di portata per un minimo di tre o quattro pacchi di mattoni.
Zone di caricamento fino ad un'altezza di circa 7 metri devono essere dotate di guard rail/ barriere incernierate per permettere l'accesso mediante carrello elevatore o convogliatore.

Se le zone di caricamento superano 7 metri, i pacchi di mattoni possono essere caricati direttamente mediante gru a torre.
Come metodo alternativo è possibile caricare delle carriole, attingendo da vari pacchi di mattoni a piano terra, per poi trasportarle verticalmente mediante sollevatore o convogliatore, facendo attenzione a non scheggiare i mattoni durante l'operazione.
La sola mescolatura sul cantiere non è sufficiente per eliminare efficacemente le variazioni nel colore tra carichi consegnati nel tempo e quindi si raccomanda di avvisare il produttore prima dell'inizio dei lavori. E' inoltre importante effettuare, ove possibile, la mescolatura tra carichi di mattoni come pure tra pacchi, soprattutto se i carichi provengono da diversi lotti di produzione.

fig.6

Fig. 6
Distribuzione effettuata prelevando i mattoni da diversi pacchi.

 

Proteggere la parte superiore delle cataste dalla pioggia, fissare la protezione in modo che non possa essere rimossa dal vento.

 

Fornire le cataste prelevando mattoni da almeno tre pacchi diversi.
Rimuovere i mattoni in fasce verticali per ottenere una mescolatura ottimale.

 

Riposizionare la protezione.

La mescolatura in fabbrica

Alcuni produttori hanno la possibilità di mescolare i mattoni in fabbrica prima della consegna , ma si consiglia comunque la mescolatura in cantiere. Chiedere ragguagli al produttore.

Altri aspetti

Benché mattoni per faccia vista fatti a mano o di pasta molle abbiamo due facciate utilizzabili, il colore sui due lati può risultare diverso.
I mattoni estrusi e tagliati a fili hanno spesso una lavorazione direzionale e quindi devono essere posati "nel verso giusto".
Tuttavia, la mescolatura dei mattoni servirà a poco se non si ottiene un colore costante di malta.

Conclusione

I metodi moderni di produzione, movimentazione ed imballaggio insieme alla quasi eliminazione di pesanti lavori di spostamento manuale hanno aiutato a contenere costi in aumento. La movimentazione con mezzi meccanici sul cantiere non solo ha ridotto la manovalanza ma ha anche facilitato la riduzione nello spreco del materiale causato da rotture e scheggiature. Questi metodi hanno tuttavia aumentato la necessità di mescolare i mattoni sul cantiere per prevenire la creazione di chiazze nella muratura finita.

S.Anselmo, vivere la differenza
Fornace S.Anselmo S.p.A.
via Tolomei, 61
35010 Loreggia (PD)
P.IVA: IT02365150289
R.I.I.: Padova
Capitale sociale: 904.000,00 €
Tel.: +39 049 9304711
Fax: +39 049 8251217
e-mail: com@santanselmo.it