S.Anselmo Knowledge Base

Una serie di utili documenti per conoscere meglio i mattoni faccia a vista e i prodotti in laterizio.

Seguici su twitter o su facebook per essere aggiornato sull'uscita di nuovi documenti tecnici come questo.

Documento KB004

COSTRUZIONE DI VOLTINI
fig.1
Fig. 1 - Voltino.

Il voltino è composto da un corso di mattoni posati di punta con intradosso piano (Fig. 1).
Non costituisce una forma strutturale e quindi deve essere previsto un elemento portante indipendente e permanente.
Voltini eseguiti nello strato esterno di muro a cassavuota vengono generalmente sostenuti da architrave in acciaio di tipo diverso a seconda del carico, della larghezza delle intercapedini e dello strato intermedio della muratura. In alternativa, possono essere sostenuti da un semplice angolare in acciaio che rimarrà in vista sotto il voltino oppure possono essere sospesi da angolari o da staffe di sostegno sovrastanti. Voltini rinforzati vengono costruiti su supporti in legno temporanei, rimossi non appena la malta ha fatto presa.

Esecuzione

Questa sezione descrive le operazioni principali necessarie per la costruzione di un voltino sostenuto da architrave a scatola in acciaio.

Selezione dei mattoni
Dato che il voltino costituisce un elemento bene in vista, i mattoni utilizzati per costruirlo devono essere accuratamente selezionati,
assicurando che:
• La loro lunghezza non sia troppo diversa. L'esperienza consiglia una differenza massima tra il mattone più corto e quello più lungo di 3mm.
• Mattoni piegati, storti o scheggiati vengono scartati.

Esecuzione di mazzette
Dopo aver posato l'architrave, eseguire tre corsi di muratura sopra il livello dell'intradosso come estensione verticale delle mazzette (Fig. 2). Queste forniranno il supporto necessario ai primi e successivi mattoni dell'arco mentre vengono posizionati da entrambi i lati.

Posizionamento
Tracciare dei segni in orizzontale lungo l'architrave in acciaio come riferimento per posa dei mattoni del voltino ad intervalli di 75 mm da ogni lato dell'arco. Se l'apertura è di misura standard, vi sarà uno spazio extra di 10mm tra gli ultimi due segni. Nel caso contrario, riposizionare i segni di riferimento per poter posare un numero di mattoni interi ( Fig. 2).

fig.1
Fig. 2
Mazzette eseguite e segni di riferimento in orizzontale tracciati a matita sull'architrave in acciaio.

Fissare due fili di messa a piombo per allineare la parte superiore e quella inferiore del voltino (Fig. 3). Applicare uno strato consistente di malta sul primo mattone, facendo attenzione a non imbrattare la facciata dello stesso, eseguire un leggero solco nella malta per aiutare la compattazione del giunto durante la picchiettatura del mattone per la messa a piombo e posizionarlo ad un lato dell'arco. Senza rimuovere la mano del mattone appena posato, verificare la sua verticalità mediante i fili di allineamento (Fig. 3).
Dato che il voltino attira lo sguardo, è indispensabile che ogni mattone sia a piobo. Sostenere ogni mattone con una mano mentre lo si picchietta per allinearlo, dando così tempo alla malta di fissare il mattone saldamente.

fig.1
Fig. 3
Fili di allineamento in posizione. Malta stesa sulla sporgenza dell'architrave. Mattoni di lato posizionati e messi a piombo.

Per posare l'ultimo mattone, spalmare i lati degli ultimi due mattoni posati e i due lati dell'ultimo mattone. Inserire il mattone lentamente, assicurando che la malta non si accumuli e non vada ad imbrattare le facciate dei mattoni (Fig. 4).
Rimuovere il terzo inferiore di malta dai giunti verticali ad 1 metro di distanza tra di loro per creare dei fori di scarico. Generalmente, non vi sono più di due fori di scarico per apertura. Se necessario, inserire fori di scarico preformati in plastica oppure filtri fibrosi nella facciata dei giunti.

fig.1
Fig. 4
Posa del'ultimo mattone e creazione dei fori di scarico.

Altre considerazioni
E' possibile utilizzare mattoni angolari da posare su architravi e angolari in acciaio per impedire la formazione di un giunto orizzontale molto spesso (Fig. 5). Nel caso di posa su angolari in acciaio, può essere necessario rimuovere lo spigolo posteriore del mattone per permettere il corretto posizionamento. Nel caso di utilizzo di supporti in legno temporanei, i mattoni vengono posati a secco e non su malta. Innanzitutto, fissare delle lunghezze di legno o spuma di gomma sul supporto temporaneo per tenere la parte inferiore dei giunti all'intradosso lontani dalla malta, permettendo così l'eventuale stuccatura dopo la rimozione del supporto. Si consiglia l'uso di spuma di gomma piuttosto del legno, per impedire la fuoriuscita di malta bagnata.

fig.1
Fig. 5
Utilizzo di mattoni angolari posati su angolare in acciaio.
S.Anselmo, vivere la differenza
Fornace S.Anselmo S.p.A.
via Tolomei, 61
35010 Loreggia (PD)
P.IVA: IT02365150289
R.I.I.: Padova
Capitale sociale: 904.000,00 €
Tel.: +39 049 9304711
Fax: +39 049 8251217
e-mail: com@santanselmo.it