S.Anselmo Knowledge Base

Una serie di utili documenti per conoscere meglio i mattoni faccia a vista e i prodotti in laterizio.

Seguici su twitter o su facebook per essere aggiornato sull'uscita di nuovi documenti tecnici come questo.

Documento KB007

ESECUZIONE DI MURATURA DECORATIVA IN MATTONI

Una muratura semplice con sfalsatura dei giunti di metà mattone spesso conferisce il colore, la finitura e il disegno necessari. Alcune volte viene però arricchita dall'uso di mattoni di colori diversi; da un gioco di rilievi creato con mattoni posati in sporgenza e incassati; con la posa di mattoni in verticale oppure in diagonale rispetto al normale disegno orizzontale; dall'uso di mattoni di forme speciali. Le tecniche fondamentali descritte nella presente Sezione possono essere adottate dal muratore abile per creare una varietà di murature decorative.

Muratura policroma

Questa muratura viene eseguita mediante l'uso di mattoni di diversi colori posati per creare elementi decorativi che possono variare da una semplice fascia orizzontale di colori diversi fino a disegni complessi o murali. Malte colorate possono essere utilizzate in abbinamento o per creare contrasti con i mattoni.

Malte colorate

Pannelli campione, utilizzati per determinare la miscela della malta necessaria, devono essere composti da almeno 100 mattoni, conformarsi alle specifiche e rispecchiare la forma della muratura decorativa da eseguirsi. I giunti di malta devono essere rastrellati, finiti con miscele diverse di malta e lasciati a fare presa prima dell'ispezione.
Dover produrre costantemente malta dello stesso colore in cantiere può richiedere tempo e risultare difficile. La modifica, sia deliberata che non, della quantità di pigmenti, sabbia, calce e cemento, come pure il cambiamento del tipo o della fonte della sabbia e del cemento, possono creare differenze nel colore della malta e restituire una muratura a chiazze.
E' necessario eseguire la finitura dei giunti in modo omogeneo. Ad esempio, se i giunti di malta vengono lasciati o lavorati con idonei attrezzi quando ancora freschi, le particelle fini vengono alla superficie risultando di un colore più chiaro dopo l'essiccamento.
Fornitori di calce: sabbia già dosata forniscono anche campionature colori e dosaggi omogenei. Nel caso di utilizzo di materiali a grano grosso è sempre necessario dosare accuratamente la quantità di cemento aggiunto in cantiere.

Arabeschi

Molti diversi disegni di arabeschi possono essere creati mediante l'uso di mattoni colorati, sporgenti o incassati (Fig. 1).
Se viene specificato l'uso di malta di diverso colore , è consigliabile utilizzare un solo tipo di malta, rastrellata ad una profondità di 12-15 mm e rifinire con malta colorata desiderata. L'utilizzo contemporaneo di due malte diverse risulta difficile, dato che necessita di due cazzuole e due frettazzi.

fig.1a
Fig. 1a - Arabesco con sfalsatura dei giunti di quarto di mattone.
fig.1b
Fig. 1b - Vistosa muratura vittoriana con arabeschi.
fig.1c
Fig. 1c - Versione moderna con sfalsatura dei giunti di metà mattone.

Nel caso di mattoni posati in sporgenza, prestare particolare cura all'allineamento e alla messa a piombo (Fig. 2).

fig.2
Fig. 2 - Controllo verticale di lavoro ad arabeschi.
Corsi a fascia

Mattoni forniti per eseguire corsi a fascia (Fig. 3) possono avere una lunghezza media diversa da altri mattoni nel muro. Generalmente si consiglia di posare tutti i corsi alle dimensioni coordinanti dei mattoni (250 mm per mattoni standard posati per il lungo) restringendo o allargando i giunti verticali come necessario e mettendo a piombo ogni terzo o quinto verticale.

fig.3a
Fig. 3a - Applicazione marcata di corsi a fascia in colori contrastanti.
fig.3b
Fig. 3b - Applicazione fine di corsi a fascia con mattoni di punta tagliati.
Corsi posati di punta

Questi sono composti da mattoni posati di punta, mostrando la facciata lunga. I mattoni devono essere selezionati sia dal produttore che sul cantiere per avere una tolleranza di lunghezza media di +/- 1.5 mm. Per maggiore precisione, posarli con l'aiuto di un filo. Un filo fissato a mattoni appena posati di punta può disallinearli se viene tirato. Per prevenire questo inconveniente:

  • È preferibile inserire un "corpo morto" alle due estremità o ai due angoli della muratura come punto di fissaggio del filo, eseguire il corso di punta tra i due corpi morti (Fig. 4) e sostituire ogni corpo morto con tre mattoni posati di punta.
  • In alternativa, eseguire agli angoli della muratura in maniera tradizionale senza però eccedere il livello dei mattoni posati di punta.
    Lo sguardo viene attirato facilmente da corsi di mattoni posati di punta e quindi questi richiedono maggiore cura nella messa a piombo, che va eseguita ogni terzo mattone mediante livella a due fili (Fig. 4). Stendere la malta sul mattone da posare e non sulla superficie dell'ultimo posato. Inoltre, assicurare che la parte superiore del corso sia perfettamente a livello.
fig.4
Fig. 4 - Utilizzo di "corpo morto" per fissare fili di messa a piombo.

Metodi alternativi di eseguire l'angolo di muratura con mattoni posati di punta sono illustrati nella Figura 5. Notare che nel caso di 5a e 5b non si permette, sui muri adiacenti, lo stesso rapporto tra i giunti verticali dei corsi di punta e quelli del corso sottostante. Architetti occasionalmente richiedono che i giunti verticali di un corso di punta combacino con quelli dello strato sottostante, benché muratori vengano di solito istruiti ad evitare questo tipo di posa.
Può essere necessario inserire speciali agganci per fissare i mattoni d'angolo più piccoli, come nella figura 5a, dato che possono essere spostati dal movimento laterale dei muri agli angoli.

fig.5a
Fig. 5a
fig.5b
Fig. 5b
fig.5c
Fig. 5c
fig.5d
Fig. 5d - Mattoni standard posati per il lungo.
fig.5e
Fig. 5e - Mattoni standard posati ad angolo.
 
Disposizione dei giunti a spina

Vi sono tre principali modi di eseguire i giunti a spina (Fig. 6). Vengono solitamente eseguiti come pannello circondato da una muratura finita con sfalsatura dei giunti di metà mattone o di un quarto di mattone oppure tra aperture per finestre. La disposizione a spina singola verticale viene descritta in dettaglio come esempio. Vi sono inoltre brevi cenni sugli altri tipi di disposizione a spina.

fig.6a
Fig. 6a - Spina verticale semplice
fig.6b
Fig. 6b - Spina orizzontale semplice
fig.6c
Fig. 6c - Spina diagonale semplice
S.Anselmo, vivere la differenza
Fornace S.Anselmo S.p.A.
via Tolomei, 61
35010 Loreggia (PD)
P.IVA: IT02365150289
R.I.I.: Padova
Capitale sociale: 904.000,00 €
Tel.: +39 049 9304711
Fax: +39 049 8251217
e-mail: com@santanselmo.it