S.Anselmo Knowledge Base

Una serie di utili documenti per conoscere meglio i mattoni faccia a vista e i prodotti in laterizio.

Seguici su twitter o su facebook per essere aggiornato sull'uscita di nuovi documenti tecnici come questo.

Documento KB008

FINITURA DI GIUNTI DI MALTA

Il tipo di giunto di finitura, e la cura e l'abilità con il quale viene eseguito, incide enormemente sia sull'aspetto che sulla resistenza alla pioggia della muratura in mattoni.
Oggi la maggior parte di muratura viene "giuntata", che significa che i giunti vengono finiti mentre il lavoro procede. La rifinitura di giunti di malta in vista scanalati durante l'esecuzione della muratura stessa non è oggigiorno comune. Se richiesta, la rifinitura viene eseguita al termine dei lavori di muratura.

La finitura di giunti di malta in vista viene normalmente effettuata al momento più conveniente. "eseguire le finiture prima della pausa" è il solito sollecito ai muratori da parte del capo squadra. Similmente, i lavori di muratura vengono sospesi alla fine della giornata lasciando sufficiente tempo per l'esecuzione delle finiture.
Questa sezione sottolinea non solo l'importanza di lasciare sufficiente tempo per la corretta esecuzione delle finiture, ma anche di scegliere il momento più idoneo della giornata lavorativa.

Aspetto

"Una buona finitura migliora un lavoro di muratura passabile, ma una cattiva finitura rovina un buon lavoro di muratura", è un detto ben conosciuti da muratori esperti. Allo stesso modo, l'accurata finitura di giunti di malta in vista riesce a ridurre l'effetto di piccoli difetti nei mattoni e nella muratura, ma una finitura mal eseguita ne può peggiorare l'aspetto finale.
La finitura dei giunti costituisce una parte critica dei lavori in mattoni faccia a vista e non va eseguita senza la dovuta cura distintamente dall'esecuzione della muratura stessa. Incide notevolmente sull'aspetto finale della muratura faccia vista dato che i giunti costituiscono quasi un quinto della superficie totale della muratura.
L'aspetto più importante della finitura è quello di evitare la sbavatura dei mattoni o dei blocchi.

fig.1 Fig. 1
Una finitura eseguita in ritardo può "annerire" la superficie del giunto di malta.
Tempi

La scelta del momento opportuno per la finitura è un ulteriore fattore importante, particolarmente se si deve eseguire un giunto a livello senza sbavare la facciata. Il momento giusto viene determinato sia dal tasso di assorbimento dei mattoni utilizzati, sia dalle condizioni atmosferiche presenti al momento della posa dei mattoni. Mattoni con basso tasso di assorbimento d'acqua che sono molto bagnati avranno un tasso di assorbimento molto basso. I mattoni tenderanno a "galleggiare", e la malta si asciugherà lentamente, soprattutto se il clima è bagnato o freddo.

fig.2 Fig. 2
Una finitura eseguita in ritardo può inoltre sgretolare la superficie della malta.

Mattoni con un fattore di assorbimento elevato che sono molto asciutti avranno un tasso di assorbimento alto e la malta asciugherà molto velocemente, forse prima che si sia formato completamente il legame con il mattone.
Per evitare queste condizioni estreme, i mattoni devono essere protetti dalla saturazione. Durante la stagione calda e asciutta, il tasso di assorbimento di mattoni a fattore di assorbimento elevato deve essere ridotto mediante la spruzzatura per inumidire, non bagnare, la superficie dei mattoni.

fig.3 Fig. 3
Una finitura eseguita in anticipo può sbavare la malta e creare una superficie ruvida.

Durante l'estate è necessario eseguire la finitura ogni due o tre corsi di mattoni effettuati da un singolo muratore. Durante l'inverno, è consigliabile soltanto ogni due corsi. La malta deve risultare sufficientemente bagnata perché l'apposito ferro per giunti crei una superficie liscia e per premere la malta contro gli spigoli del mattone così ottimizzando la resistenza alla pioggia. Se la malta risulta troppo dura, oppure si preme troppo pesantemente sulla malta, i tentativi di finitura con l'apposito ferro tenderanno ad "annerire" la superficie del giunto (Fig. 1 ) e creeranno una superficie friabile (Fig. 2).
Se la finitura viene eseguita troppo presto, si sbava la malta e si crea un giunto a superficie ruvida (Fig. 3).

fig.4 Fig. 4
Uso corretto del ferro per giunti.
La tecnica

Quando si effettua la "lisciatura" par dare ai giunti una finitura, ad esempio arrotondata, tutti i muratori operanti su quel lavoro dovranno utilizzare un ferro per giunti avente lo stesso diametro (Fig. 4).

fig.5 Fig. 5
Uso incorretto del ferro per giunti, lasciando "solchi".

Il ferro deve rimanere in contatto con gli spigoli del mattone al sopra e al disotto dei giunti orizzontali e ad ogni lato dei giunti verticali per non creare "solchi" (Fig. 5).

fig.6 Fig. 6
Ferro a carrello, con punta per eseguire le scanalature alla giusta profondità.

I giunti verticali devono sempre essere eseguiti per primi, qualsiasi sia il tipo di finitura scelta. L'unica eccezione è nel caso di finitura a piega.
Nel caso di finitura squadrata, l'utilizzo dei ferri a "carrello" (Fig. 6) oppure di altri calibri di profondità (Fig. 7) aiuteranno il muratore ad eseguire delle scanalature della stessa profondità.

fig.7 Fig. 7
Calibro di profondità improvvisato, ma efficiente.

Dopo l'esecuzione della scanalatura, la malta va "lisciata" e non lasciata ruvida, per ottimizzare la resistenza del giunto alla pioggia.
Utilizzare l'inserto previsto nel ferro a carrello o nel ferro per squadratura.

fig.8 Fig. 8
Esecuzione di un giunto inclinato.

Nel caso di finitura inclinata, tutti i giunti verticali devono avere l'angolatura dalla stesso lato, normalmente sulla sinistra (Fig. 8), altrimenti i segni d'ombra creati conferiranno delle nette differenze all'aspetto del lavoro finito.
Nota: nel caso di giunti inclinati e tagliati, la profondità dell'angolatura e la "nitidezza" della sporgenza di malta devono essere precisi.
Lo spessore della cazzuola per finiture è sufficientemente importante.

L'effetto del giunto a livello di alta qualità sembra facile da ottenere, ma è necessaria molta esperienza, cura e attenzione per effettuare veramente un buon lavoro.
Se finita troppo in anticipo la malta "bagnata" si sbava sulla facciata dei mattoni. Se finita con troppo ritardo, quando è troppo "asciutta", tende a sgretolarsi e lasciare una superficie irregolare e non compatta. Ferri in acciaio non vengono utilizzati per finire giunti a livello, dato che tendono a lasciare evidenti segni di lavorazione. Un pezzo di legno duro di circa 200 mm di lunghezza, 50mm di larghezza e di 10mm di spessore con un'estremità arrotondata, simile ad una spatola , viene comunemente utilizzato per appiattire i giunti di malta. Grande cura deve essere prestata perché sia i giunti orizzontali che verticali risultino veramente piatti.
Una leggera spazzolatura rimuove piccole particelle di malta e crea una finitura di superficie opaca, a differenza da quella liscia creata con l'utilizzo del ferro in acciaio.
Generalmente , la spazzolatura viene eseguita alla fine della giornata durante l'estate e addirittura il giorno seguente durante la stagione umida o fredda.

fig.9 Fig. 9
Prestare cura agli angoli esterni.
Cura nei dettagli

E' necessaria una certa cura nella finitura di giunti di angoli esterni (Fig. 9).

fig.10 Fig. 10
Angolo interno finito in modo corretto.

La finitura di giunti di angoli interni deve evidenziare i mattoni di collegamento in questi punti, effettuando una finitura alternata a sinistra e a destra, (Fig. 10) e non con un giunto dritto (Fig. 11).

fig.11 Fig. 11
Angolo interno finito in modo incorretto.

E' necessario proseguire con la finitura dei giunti sotto i davanzali in sporgenza, sotto copertine e intradossi di voltini al di sopra di aperture.

S.Anselmo, vivere la differenza
Fornace S.Anselmo S.p.A.
via Tolomei, 61
35010 Loreggia (PD)
P.IVA: IT02365150289
R.I.I.: Padova
Capitale sociale: 904.000,00 €
Tel.: +39 049 9304711
Fax: +39 049 8251217
e-mail: com@santanselmo.it