S.Anselmo Knowledge Base

Una serie di utili documenti per conoscere meglio i mattoni faccia a vista e i prodotti in laterizio.

Seguici su twitter o su facebook per essere aggiornato sull'uscita di nuovi documenti tecnici come questo.

Documento KB021

Patologie e difetti delle murature faccia a vista: EFFLORESCENZE

Con il termine "efflorescenze" si intende la migrazione alla superficie della muratura di sali di vario tipo che, trasportati in soluzione dall'acqua, quando questa evapora a contatto con l'aria, cristallizzano, formando sulla faccia del muro macchie di dimensioni variabili, più o meno aderenti. Spesso non sono che manifestazioni passeggere sulla muratura appena terminata; ma se questa continua a ricevere sali minerali (ad esempio dal terreno, dalle strutture in calcestruzzo retrostanti, da precipitazioni inquinate) possono anche diventare croniche. I danni sono soprattutto estetici, ma in alcuni casi possono disgregare malta e mattoni. Per evitare il loro insorgere occorre controllare i materiali, isolare bene il muro dal terreno, dotarlo, se possibile, di uno sporto di gronda ed assicurare ad esso un efficace regime di allontanamento dell'umidità.

Un caso particolarmente grave

Il muro illustrato nell'immagine qui a lato ha la sua base permanentemente immersa in acqua ed è a diretto contatto con il terreno, da cui continua ad assorbire sali di ogni tipo (l'erba verdeggiante sullo sfondo testimonia di frequenti concimazioni); l'acqua drena dal terreno attraverso un'apertura a filo muro, che non è neanche munita di un doccione, sporcandone la superficie, in aggiunta, di residui di terriccio. L'acqua che cola nella vasca è anch'essa intrisa di sali disciolti. In questo caso ci sarebbe da stupirsi se le efflorescenze non si manifestassero!

 

Una soluzione corretta
Il progetto avrebbe dovuto prevedere che la fontana fosse rivestita con una guaina impermeabile che, per isolare il muro, continuasse anche tra il muro e il terreno. Il foro di drenaggio avrebbe dovuto essere munito di un tubo per allontanare l'acqua dalla muratura.

Origine delle efflorescenze

I sali che provocano le efflorescenze possono essere già presenti nel muro (nei mattoni o nella malta), oppure possono formarsi per la combinazione di un acido con una base durante la sua costruzione, in occasione di una sua eventuale pulizia o per altre cause intervenute nel corso della vita del muro stesso; prevalentemente però si manifestano nella "prima gioventù" della muratura. Nel capitolato di appalto si dovrà richiedere, per le forniture di malta e mattoni, l'assenza, certificata, di sali efflorescenti, mentre per l'esecuzione si dovrà imporre che non venga adoperato nessun additivo nella malta senza un'esplicita autorizzazione della direzione lavori, così come si dovrà esigere che l'immagazzinamento dei materiali avvenga in modo da evitare che essi possano venire a contatto con sostanze contenenti sali efflorescenti.

Muri a sacco e pilastri riempiti di calcestruzzo sono sconsigliati, in particolare se il calcestruzzo è confezionato con cemento Portland, poiché quest'ultimo può dar luogo a efflorescenze persistenti.

Questa tecnica costruttiva presenta svariati altri inconvenienti, tra i quali:

• il laterizio sottrae acqua allo strato di calcestruzzo a contatto con esso, riducendone la presa;

• il calcestruzzo e il laterizio hanno dilatazioni termiche differenziate, per cui a lungo andare i vari strati tenderanno a separarsi.

 

Il muro di questo edificio rurale, nonisolato dal terreno, continua arisucchiare da esso umidità, e conessa sali minerali che rendono leefflorescenze croniche.

S.Anselmo, vivere la differenza
Fornace S.Anselmo S.p.A.
via Tolomei, 61
35010 Loreggia (PD)
P.IVA: IT02365150289
R.I.I.: Padova
Capitale sociale: 904.000,00 €
Tel.: +39 049 9304711
Fax: +39 049 8251217
e-mail: com@santanselmo.it